AL CARO PAPA' FLORINDO D'ONOFRIO

Pensieri in libertà



In un caldo pomeriggio di agosto hai risposto “Presente” alla chiamata del Signore e per te è suonato il lungo “Silenzio”.

Tu, uomo buono ed onesto, marito, padre e nonno esemplare che ci hai lasciati nel più profondo dolore per raggiungere il tuo posto in Paradiso

Tu, che hai sempre fatto il tuo dovere non perché qualcuno ti dicesse grazie, ma lo hai fatto per te stesso e per la tua dignità

Tu, che non hai mai dimenticato le cose belle che la vita ti ha dato e, sono state quelle che ti hanno fatto andare avanti  nei momenti di difficoltà

Tu, che ci hai fatto capire che non serve essere ricchi per essere felici e che le cose migliori della vita sono gratis: abbracciare, sorridere, baciare, amare, sperare

Tu, che ci hai sempre detto che ogni cosa ha il suo
tempo bisogna solo avere pazienza e forza di aspettare.

Tu, che hai servito la Patria con fedeltà e onore, hai deposto le armi e fiero ed orgoglioso com’eri sei entrato al suono della marcia trionfale in Paradiso.

Tu sei ancora più vivo, oggi, in tutti noi, anche se sei fuori dalla nostra vista.

Noi abbiamo una grande responsabilità, portare avanti il tuo nome, che è un nome carico di valori e di ideali.

La morte non è niente, anche se tu non sei più qui, sei sempre presente nelle cose che hai visto e toccato, nelle parole che hai
sempre detto e ripetuto, nel tuo esempio che ci guiderà e ci accompagnerà,  ancora, lungo il cammino della nostra vita.

Aspettaci e conservaci un posto accanto a te in Paradiso.

Per te, una parola sola: Grazie

ALLA CARA MAMMA MARIANNINA CAPONE

Ciao mamma. Grazie di tutto. Un forte abbraccio a papà (GIGINO)

Cara Nonna,

eccoci qui a salutare anche te, in questo anno sciagurato che, in un modo o nell’altro, ha seminato tanta tristezza e dolore.

Alla fine, anche tu hai deciso di lasciarci! Avrai pensato: “E’ il tempo di andare! Me ne vaco no poco fore!” “Fore” però, questa volta, non è ne “miezzo a l’aia”, né “arreto animali”, né “ngoppo o vosco”. “Fore” questa volta è un posto lontano, troppo lontano!

Eppure, un pensiero è pervaso dentro di me i primi giorni che hai cominciato a stare male: “Nannina ne ha passate tante, ce la farà anche questa volta, riuscirà a passa’ a nottata e la rivedremo tra noi pronta per superare insieme la soglia mitica dei 100 anni”. Ma questo, ahinoi, non è accaduto! Questo 2020 non ha tenuto conto delle tante volte in cui ti sei fatta male per il lavoro intenso che facevi nei campi, di quella volta che per poco ci lasciavi mezzo braccio, di quando pochi anni fa ti sei rotta il femore e, si sa, “femore rotto / persona anziana” è considerato un preludio nefasto. Ed invece tu lì, pronta, sei uscita vincitrice per l’ennesima volta.

Quante battaglie hai fatto con nonno, i tuoi fratelli, Tunino. Acqua, sole, ghiaccio, freddo; quante volte, da piccolo, vi ho visti passare davanti casa col trattore, salutandovi mentre andavate “ngoppo o vosco”! Cominciava un’altra giornata chiena chiena! E quanti guai, da piccoli, combinavamo intorno casa tua e tu, nonostante disapprovavi le nostre marachelle, non ci hai mai né sgridato né rimproverato ed hai sempre accettato tutto, come solo i nonni sanno fare! Quanti sacrifici! Mai un giorno di mare, mai un’uscita in un negozio! Il bar? Tu e nonno, non sapevate cosa fosse!

Ricordo ancora quando quella volta venisti in gita con noi a Padova e Venezia, col pullman della parrocchia. Tu, un po’ spaesata, osservavi tutto con gli occhi di una bambina che per la prima volta si trovava in un posto nuovo. Serena sì, ma come un pesce fuor d’acqua che dentro di sé pensava a cosa stesse facendo nonno in quel momento a Prata e come procedessero i lavori nei campi e a casa. Perché questo tu eri, un esempio di dedizione completa alla famiglia e al lavoro. L’esempio di chi è partito da zero ed ha fatto grandi cose, con umiltà e perseveranza.

Silenzio, parole poche ma precise, ironia, quello sguardo profondo e un po’ sornione con cui osservavi tutti noi e quelle esclamazioni tipiche che facevi: “ao commanno tuo”……“annasolea”…… “vieni qua, ti fazzo nu cunto”, per tenerci buoni quando eravamo piccoli…….“contamo i iuorni”, dopo che nonno ci ha lasciato 7 anni fa. Nonno, che immenso amore hai provato per lui! Quella tua apparente corazza di donna forte e un po’ distaccata si scioglieva come neve al sole quando gli eri vicino! Compagni fedeli di un percorso fatto insieme che si chiama vita! E poi, i figli, i nipoti, i pronipoti e tutti i parenti per i quali hai sempre mostrato amore e affetto profondo.

 

Ora, cara nonna, è giunto il tempo di salutarti! Ma prima di congedarci, voglio solo dirti che per l’ultima volta ci hai stupito ancora. In questo periodo, segnato da così tanto dolore, molte persone, anziane e deboli soprattutto, sono state colpite da questo maledetto virus. Il destino ha però deciso diversamente per te, facendoti andar via per conto tuo, per una strada diversa. Con quello sguardo sornione avrai pensato: “A me non mi pigghi!”. Cara nonna, ora ti lascio, cercherò di seguire quello che avete insegnato a tutti noi tu e nonno e se qualche volta sbaglierò, stammi vicino per farmi comprendere! Buon viaggio, saluta nonno e gli altri zii. TVTB Luca.

E così mamma se n’è andata in punta di piedi, spegnendosi lentamente, come piano piano si consuma una candela.

Anche negli ultimi giorni non ha mostrato evidenti segni di sofferenza, per rendere forse anche per noi meno dolorosa la sua dipartita.

Già mio nipote Luca ha fatto un ritratto completo di mamma descrivendo le tante qualità che aveva: l’umiltà, la semplicità, il profondo affetto per i familiari, l’anteporre tutti gli altri a se stessa, la riservatezza, la dedizione alla famiglia e al lavoro. A me piace ricordarla soprattutto come una lavoratrice instancabile, una donna d’altri tempi. Era quasi sempre impegnata nei lavori in campagna, assieme a papà e agli altri familiari: zio Antonio, zia Filomena e anche noi figli che già da piccoli ci siamo abituati a fare tanti tipi di lavoro: la raccolta delle ciliegie e delle nocciole, la mietitura e la trebbiatura del grano, la vendemmia , il trasporto dell’uva e la pigiatura, la raccolta delle barbabietole da zucchero, del tabacco, del fieno per le mucche e i vitelli, la mungitura e la consegna del latte a diverse famiglie di Prata, l’irrigazione dei campi di mais, la raccolta e la sgranatura delle pannocchie, il trasporto dell’acqua dalle sorgenti con la conca , con il secchio e con il “cecine”, o con i barili trasportati dall’asino, quando in casa non c’era ancora …..

Un episodio della sua vita lavorativa mi è rimasto particolarmente impresso. Estate 1958, papà doveva irrigare un campo di granturco ai confini con il Comune di Tufo (La zona la chiamavamo “’A Scarrupaglia”) a più di 3 chilometri da casa; mamma, nonostante fosse incinta, volle seguirlo lo stesso per aiutarlo e c’ero pure io e l’asino.

La portata dell’acqua tirata dalla motopompa a scoppio era tanta per cui si doveva dividere in due canali. Mamma non si poteva chinare, per cui diceva a me come fare con la zappa per riempire i solchi. Ce ne tornammo piano piano, perché mamma era molto stanca e soprattutto alla salita dei “Cupali”, si faceva trascinare dall’asino afferrandosi alla sua coda.

Durante la notte ha partorito. E’ nato mio fratello Gigino.

 

Pasquale D'Onofrio

L'ultimo compleanno 6 ottobre 2020

IN QUESTA SEZIONE POTETE LASCIARE UNA VOSTRA DEDICA

Commenti: 16
  • #16

    Montrealintclinic.com (venerdì, 14 dicembre 2018 20:53)

    Looking for Dental implants Dubai but worried about the quality? Reach us at Montreal International Clinic where we use only FDA approved dental implants that are tested and they are fixed with the help of our expert dentist only. Our team of dentists will first study the teeth structures with help of X-ray and then will decide the next step. Website:- https://montrealintclinic.com/dentistry/dental-implants/

  • #15

    Turbonuoma.lt (venerdì, 14 dicembre 2018 14:59)

    Are you still paying high bills on your daily travel? Wait and read this before you make your next booking. Turbonuoma will let you enjoy the pigi automobiliu nuoma vilniuje (cheap car rental in vilnius) with a wide range of cars. Website:- https://www.turbonuoma.lt/

  • #14

    deep cleaning in dubai (domenica, 05 novembre 2017 13:00)

    profound cleaning presents all brought up services usually cleaning and also paying more focus on specific areas that want cleaning. But not only providing cleaning up services to get houses, they also deal with offices, condos, events and many other things.

  • #13

    Anthony Monica (venerdì, 28 febbraio 2014 17:33)

    The words expressed in the preceding section,left me in complete surprise that anyone could have the ability to write such beautiful words.I feel such an honor to have had him Baptize me.My condolances to his Family.

  • #12

    mariaconcetta (lunedì, 21 ottobre 2013 22:58)

    Ho un bel ricordo del tuo papà, bella persona. Complimenti per il sito. Mariaconcetta (amica di pasquale)

  • #11

    MASSIMO mICCO (mercoledì, 09 ottobre 2013 18:52)

    BRAVISSIMO ALL'AUTORE DI QUESTO SITO E BELLISSIMO .

  • #10

    antonietta renna (lunedì, 02 settembre 2013 22:10)

    "i ricordi tengono unito cio' che il destino ha diviso"...
    davvero commovente....
    sono sicura che zio Fiore sara' orgoglioso di questa "pagina"...della sua famiglia, della tua riconoscenza e del tuo amore, della sua storia.

  • #9

    Luigi D'Onofrio (lunedì, 12 agosto 2013 12:57)

    Coloro che amiamo e abbiamo perduto … non sono più dove erano … ma sono “ovunque noi siamo”.

  • #8

    Luigi d'onofrio (domenica, 11 agosto 2013 21:25)

    Grazie Preside

  • #7

    Maddalena Mercaldo (domenica, 11 agosto 2013 09:01)

    QUESTE PERSONE SONO I "PILa STRI"DA AMITARE,PERCHé GIUSTO COME STA SCRITTO NELLA DEDICa HANNO DEDICATO LA LORO VITA AL SACRIFICIO, SENZA PRETENDERE MAI UN GRAZIE ;GRAZIE TE LO DICIAMO NOI,PADRE ESEMPLARE PER ONESTA' E RETTITUDINE !

  • #6

    anna (domenica, 11 agosto 2013 03:32)

    ti capisco e nemmeno immagini quanto <3

  • #5

    Luigi d'onofrio (domenica, 11 agosto 2013 00:19)

    x Maria
    Grazie mille

  • #4

    maria filo pennetta (sabato, 10 agosto 2013)

    ciao luigi.. ti sono vicina in questo momento di dolore, il 29 giugno anche io ho perso il mio papà.. e mi manca tantissimo...

  • #3

    Luigi D'Onofrio (sabato, 10 agosto 2013 14:10)

    Sai ... si può perdere tutto ma non il ricordo

  • #2

    Luigi d'onofrio (giovedì, 08 agosto 2013 10:46)

    Grazie papà per la vita che mi hai dato e per il tuo grande amore fino a quando ci sei stato, ti voglio sempre più. Luigi

  • #1

    Luigi D'Onofrio (giovedì, 08 agosto 2013 10:42)

    Caro Papà,
    dopo quasi 5 anni di sofferenza, in una torrida giornata d’agosto, in silenzio te ne sei andato via e una parte di me se ne andato con te.
    Hai dimostrato tutto l'amore che avevi per tutti noi giorno per giorno senza arrenderti mai, l'hai dimostrato in ogni tuo piccolo gesto, in ogni tuo sorriso... noi abbiamo un grande ricordo di te.
    Hai lasciato in ognuno di noi un qualcosa di indimenticabile, un dolore troppo grande, un qualcosa che non andrà mai via. Ora che non ci sei più ci osserverai e ci continuerai a guidare da lassù come hai sempre fatto.
    A presto Papà e…grazie infinite, ti voglio perdutamente bene. Il tuo affezionato Luigi”